Arte Cultura e Società

Ancora sonant is tamburrus de Mir?

Suonano ancora i tamburi di Mir?

Laboratòriu de s’identidadi

Su cursu, acumpangiau de unu laboratòriu teatrali, est pretziu in cuatru adòbius, anca s'at a arrexonai de sa storia de sa Sardigna movendu de s'edadi nuragica fintzas a lompi a su tempus de is giudicaus, sighendu s'arrastu lassau de Sergio Atzeni in "Passavamo sulla tera leggeri" in sa tradutzioni de Franco Medda "Lebius nci passamus in sa terra".

“Tra teatru e storia
tra literadura e cantzoni,
tra paristorias e beridadi,
in cuatru dis seus a contai
sa storia de custa antiga
terra”

Progetu realizadu cun sa partetzipatzione de sa Regione Autonoma de Sardigna  – L.R. 44/93 Sa die de Sa Sardigna.

Ideato da Artifizio, il progetto “Suonano ancora i tamburi di Mir?” è un corso sull’identità linguistica con laboratorio teatrale in lingua sarda.
Dedicato alla storia dell’isola riletta attraverso l'opera di Sergio Atzeni Passavamo sulla terra leggeri nella traduzione curata dal dott. Franco Medda e intitolata Lèbius nci passamus in sa terra edizioni Condaghes, il progetto di Artifizio è stato incluso nel 2012 nel programma di attività promosso dalla Regione Autonoma della Sardegna nell’ambito delle celebrazioni di Sa die de sa Sardigna.

Durante i quattro incontri, un posto di rilievo è stato rivestito dall’approfondimento dei principali avvenimenti della Storia della Sardegna, in particolare quelli che più hanno colpito la fantasia popolare contribuendo a formare il concetto di identità dei sardi e dalla conoscenza di un autore simbolo della letteratura sarda contemporanea, Sergio Atzeni.

Scarica la locandina
Scarica la card (fronte)
Scarica la card (retro)